Ar Bar

Ar Bar
 
Semo ‘n tanti che ancora nu riuscimo a capacitasse pe’ quer ch’è successo
nun se capacitamo perchè pe’ mòrti de noi eri, ormai, come parte de la famija, 
Hai visto ognuno de noi  felice, triste, allegro, preoccupato  e perplesso
e te sempre lì, sempre pronto a regalacce ‘nà parola, ‘n briciolo d’allegria
 
Eri forte, sor Attì, nun conoscevi riposo o ozio e te piaceva lavorà
stavi là, tutti li giorni, e pe’ noi clienti eri ‘n punto de riferimento
Natale, Capodanno, Pasqua: te ce stavi sempre e sempre là
e noi lì, pe’ ‘n caffè, pe’ ‘na pausa, pe’ ‘na bira o pe’ puro divertimento
 
Io, personarmente, ogni giorno, ce venivo si e no 4 o 5 vorte
me pijavo er caffè e me facevo dù chiacchiere come più me piace
riuscivo, ‘n quer bar, a vedè dritte puro le giornate più storte
 
Grazie soprattutto a Te e a quer tuo spirito fiero, deciso, tenace
mò noi qua stramaledimo ‘r destino che t’ha riservato ‘sta sorte
e come te dicevo sempre: Ciao, Attì, e Grazie… Ciao: Riposa In Pace.
 
Cesare Capuano
25 Gennaio 2013 h 13.36
A.I.A.S.P. – Casa dei Popoli, Ufficio
Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...