Er Matrimogno religgioso

Nun potete manco immagginà quanto sò rimasto sbalordito
quanno, sti dù matti, m’hanno messo in mano l’invito
 
Diceva… diceva… vabbè, mica sò importanti le parole esatte
er senzo era che, ormai, tutte le frittate possibbili erano fatte
 
Insomma, p’esse breve e decisamente più conciso
sti due da sposasse, avevano bell’e deciso
 
All’inizio sò rimasto perplesso a legge e sentì stì concetti
“ma come?”, pensavo, “se sò ‘mpazziti, sò diventati matti”
 
“ma nun ce lo sanno che ormai nun se sposa più gnisuno
nun serve, è antico, è come… de quaresima er digiuno”
 
“è ‘nà pratica obsoleta, come stà parola ch’ho appena usato
è… come dì??? ‘nà cosa che serve solo ar clero e ar papato”
 
“pè fasse belli di fronte ar popolo, pè natura, cojone
dicenno che questo è l’unico tipo giusto de unione”
 
“che chi nun vò sposasse nun c’ha diritto a gnente
pò pure morì de fame o de dolore, è solo ‘n pezzente”
 
“sposasse, porca pupazza!?! Aiuta sortanto a ‘ngrossà le fila
de chi pensa che Santi nun semo noi, ma è Papa Wojitila”
 
“de quelli che penzano che quer che dice er Papa è legge
poichè lui è er pastore e noi semo er suo gregge”
 
“de quelli che penzano che Dio e la chiesa sò l’istessa cosa
tutto questo, alimenta chi decide e poi se sposa!!!”
 
Poi… ‘nà sera, giorni fa, me sò soffermato a penzà 
e come poche vorte me succede, ahò, ho dovuto ritrattà
 
Poco importa si quei maiali che vivono sotto l’ombra der Vaticano
avvezzi più a zozzerie, ruberie e mafiosi baciamano
 
ce ponno guadambià nei loro assurdi concetti
perchè voi due, inzieme, sete belli, sete perfetti
 
Sete come guerrijeri ne la lotta clandestina
come li dù diti che se toccheno ne la Cappella Sistina
 
Sete er bacio de Klimt cò tutti quei colori
sete ‘n prato ‘n primavera, pieno zeppo de fiori
 
Sete come la statua de Amore e Psiche de Canova
sete stelle der cielo, la più bella supernova
 
Sete forti e a sposavve, sinceramente, fate bene
c’ho messo ‘n pò a capillo (come spesso avviene)
 
Ma tutte le fregnacce che penzo sur matrimonio religioso
gnente c’hanno a che vedè cò quer quarcosa de meravijoso
 
che voi due, belli e grossi, state a cercà de costruì
ner presente, pe’ ‘r domani, pè chi ancora a da venì
 
Sete forti e io ve stimo ne la magnera più assoluta
a parlà sò boni tutti, ma la vita va vissuta
 
e voi due è nell’Amore che volete contiualla a vive
meritannove er rispetto de sto scemo che ve scrive!!!
 
Cesare Capuano
25.09.2012 h 01.18
Casa dei Popoli A.Capuano – Ufficio
 
Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...