Li Sposi

Li sposi
 
Vojo ariccontavve, co ste quattro righe storte e sgangherate
la storia de dù amichi cò le idee ben ordinate
 
dù persone precise cò la testa su le spalle
lavoratori come pochi, dù perzone co le palle
 
Gente seria che sà vive e che c’ha vojo de scherzà
che nun penza solo ar lusso a divertisse e a cazzeggià
 
Perzone cò le idee belle chiare come la luce der matino, der giorno
de quelli che te ordinano er primo, in base ar seconno e ar contorno
 
Vabbè, ate capito… bella gente, ‘n c’è bisogno che vado avanti
der resto si state qui è perchè li conoscete tutti quanti
 
quindi è inutile che me metto a dì tutte ste cose, vado ar fatto
ch’è quello che hanno fatto… oddio, sto a diventà matto
 
c’ho tante de quelle idee e de quelle cose da dì
che potrei sta le ore qui a scrive, fino a svenì
 
ma… vabbè, dò cercà d’aritrovà bene er punto de la situazione…
‘nzomma, ve dicevo… sti dù amichi, ste perzone…
 
no… è ar fatto che dovevo annà
‘nzomma, lo sapete no??? Se stanno a sposà!!!
 
E… beh, che dì? So tante le riflessioni e tanti li penzieri
finti, farsi, belli, brutti, vecchi e novi, allegri e seri
 
Dù perzone che decideno, de disse pè la vita
che l’Amore sarà eterno, sarà ‘nà cosa ‘nfinita
 
che decidono che er rapporto che c’hanno da tanti anni
in cui ovviamente, come tutto, ha visto puro arcuni affani
 
a da durà pè sempre e ‘nvece d’esse un rapporto de letto
sarà scritto sur documento, condiviso sotto lo stesso tetto
 
Che coraggio che ce vole, porco giuda nun c’arivo
a capì che quer che fanno è ciò che mantiene vivo
 
er valore de la vita, perchè a giurasse Amore eterno pe davero
ne sto monno de ‘nfami, ladri e gente che vale meno de zero
 
è ‘n gesto enorme, che dimostra, che sippure tutto ‘ntorno c’è un macello
c’è quarcosa che ancora te pò fa dì e pensà: “Dio mio, che bello!?!”
 
C’è quarcosa, anzi, quarcuno, capace d’esse così granne e maturo
da fatte capì che nun è finita, che risalì da sto macello nun è poi così duro
 
Basta avecce er coraggio de annà avanti e strigne li denti
e de giurà, davanti a Dio, de provà sti sentimenti
 
e de nun tenelli pe se, de condivideli co la perzona amata
e de fallo pe tutta una vita dalla condivisione sempre animata
 
che coraggio che c’avete, e che forze che mostrate
ce ne vorebbero mijoni de ste splendide giornate
 
Pè faje capì a tutti che er modo mijore pè fa Rivoluzione
è unì tutte le genti, a partì da dù perzone
 
che sposannose condivideranno tutto: gioie e dolori, salute e malattia
fin’a quanno er buon Dio deciderà de portasseli via
 
ed è pè questo che ho scritto ste quattro fregnacce, pe aringrazziave cò tutto er core
de avemme fatto capì ch’è vero che er Rivoluzionario è mosso da grandi sentimenti d’Amore
 
Grazie pe avemme dato l’onore de esse parte de st’unione tra de voi
Grazie mille, ragazzi, fratelli, amici, esempio… eroi!!!
 
Cesare Capuano
24 Settembre 2012 h 03.38
Casa dei Popoli – A.Capuano – Lavanderia
Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...