Che spettacolo stasera!!!

Nun credo e nun crederò mai che tu, ne la vita, possa ‘ncontrà
uno che t’ami come io, ner tempo passato, t’ho saputo amà!?!

E’ ‘mpossibbile e tu, certamente, ce lo sai er perchè!?!
Perchè nessuno, ne stò monno, pò esse simile o uguale a me!?!

Mica perchè io sò ‘r mejo o sò forte o sò chicchessia
solo perchè nessuno te potrà sentì, com’io t’ho sentito mia!?!

Io ero capace e disposto a datte tutto quello che c’avevo e che ero
io pè te ero disposto a diventà giallo, rosso, verde, azzuro… nero!!!

E come si nun bastasse, io, a te, t’ho Amata cò tutto ‘r core
senza preoccupamme de niente, de me… o si potevo provà dolore!!!

E… daje… dimesela la verità… nun esiste gnisuno che possa amatte come me
nun foss’artro perch’o, vicino a te, me sentivo un Principe, che dico??? Un Re!!!

Certo… nun sei er mejo che Omo possa o potesse volè vicino pè la vita
ma… sai come sò fatto… pè me ogni cosa è ‘nà sfida… ‘nà partita!!!

E te sei stata  e sei, senz’artro, la partita più importante da quanno sò nato
o mejo… sei ‘nà partita… la partita più ‘mportante che fin’adesso, io, ho giocato!!!

Mò ‘stò ‘mbriaco e posso dì d’avè passato piu che ‘nà bella serata
nun foss’artro perchè, quer ch’è successo era ‘na cosa inaspettata

E quinni nun me ne frega ‘n cazzo de quello che pò esse pensato da ciò c’ho messo qua
poesse ‘nterpretato male da chi nun me conosce bene, da chi nun me pò capì, da chi nun sa!!!

Perchè ‘n fonno, quer che sinceramente più me preme ne ‘stà vita nova
è vive, divertimme, giocà, ride, trombà e metteme continuamente alla prova!!!

Poi, si ‘ste cose riesco a falle tutte ‘nsieme se pò dì ch’è ancora mejo
pure se, facenno così arischio de fà, de tanto ‘n tanto, quarche sbajo!!!

Nun me ne frega ‘n cazzo: continuo, ‘mperterrito: vado lottanno
e nun me ‘mporta der come, der dove, cò chi, der se… der quanno!!!

Vojo solo godemme la vita finchè posso
cor core mezzo giallo e mezzo rosso

E da ‘mbriaco cò sett’otto rum ‘n corpo e più de quarche biretta
me sento de dì che, si la vita è ‘nà torta… io nun ne vojo ‘nà fetta…

Ma la vojo tutta ‘stà torta e vojo ‘mbricamme come e quanno me va…
‘n poche parole: vojo vive, ride, divertimme, ‘mbriacamme… giocà!!!

E concludo diccenno viva le donne e quello che c’hanno ‘n mezzo a le gambe
pure si nun sò ch’ho scritto e nun lo vojo rilegge… sò cose troppo strambe

solo che volevo esprime quanto sò contento
che finarmnte me sò torto sto tormento

nun c’ho più paura e c’ho voja de vive
così come, adesso, c’avevo voja de scrive!!!

Cesare Capuanio
Casa dei Popoli "Antonio Capuano"
15 12 2007 h 5.50

Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...