Cioè… nun è proprio quello che avrei voluto scrive, ma… nun è mica facile e poi… ce s’avvicina!!!

Er
fiore


‘na matina,
stranamente, m’arzai de bon’ora e me n’annai ar giardino
passeggiando tra
le vie lastricate, vidi, ‘n mezzo ar prato ‘n fiore divino

M’avvicinai, cò
attenzione, attento a nun rischià de schiaccialo
Era bello,
colorato de mille colori: verde, arancione rosso e giallo

‘na vorta là
vicino, dopo avè carpestato tant’artra erbaccia
stupore e meravija
furono le padrone della mia faccia

m’accorsi che ‘n
quello splendido giardino tutto bello colorato
nun c’era solo ‘n
fiore, ma mijaja.. che rendevano unico quer prato

Cò premura
camminai in quell’eden che se spalancava all’occhi mia
Ormai nun me
fregava più gnente de gnente: era smarita la mia via!!!

Estasiato avevo
perso la cognizione der tempo; nun sapevo più ‘ndò stavo
Nun me ‘nteressava
più gnent’arto… ormai ero rapito… come uno schiavo

Quer Fiore, su
tutte le mijaja che ce n’erano aveva carpito la mia attenzione
Era uno de li
mejo, e io là, sempre timoroso, lo scrutavo cò attenzione

Nun me ‘nteressava
cojelo, nun era ‘mportante pè me perché ero sicuro
Ch’avrei potuto
sempre rivedello là, co la luce der sole, co la luna o a lo scuro

Sapevo, cò
certezza che ‘gnì vorta che avrei avuto voja de vedello
Sarebbe stato lì,
fermo come ‘r sole… sempre granne, sempre bello

M’accorsi, poi,
distratto da quarcosa che de tempo n’era passato parecchio
decisi d’annà via,
senza provà a coje quer fiore: l’avrei rivisto in me, ne lo specchio!

Così feci: me
n’annai, portai pè sempre, dentro de me, la magnificenza de quer Fiore
Che m’aveva, dato
tanto, regalannome pè sempre quarcosa d’un immenso valore!!!

Passò parecchio
tempo e un ber giorno me decisi de tornà in quer prato
Ma… quanno
c’arivai notai quarcosa de diverso che me portò via ‘r fiato

‘r fiore, a cui
tanto avevo voluto bene, sembrava appassito, aveva deciso de morì
lasciannose
accarezzà da mani che nun lo meritavano senza che lo riuscisse a capì

stò fiore, che
m’aveva dato tanto e a cui tanto io dovevo pè quello che ero
s’era lasciato
annà senza motivo, senza raggione, avvorgendose de mistero

Aveva fatto si che
la sua vita, unica fino all’urtima vorta che j’ero stato vicino
Lo portasse via da
quello che sarebbe dovuto esse ‘r suo magnifico cammino

Poi, mentre stavo
lì, a guardallo e a rattristammo pè ‘ste sue scerte sconsiderate
Sentii come ‘r
rumore de ‘nà zanzara, poi vidi che sopra de lui, se posarono dù fate

Queste je dissero:
“nun li fa ‘st’erori, te nun meriti questo, meriti de più!?!
Nun sei stato
creato pè vive ‘n mezzo all’erbacce, ma pè cresce e pè salì lassù

Dove solo chi è
come te po’ arivà e dove nun esite gnent’arto che gioia e felicità
Nun lascià che lo
stelo tuo venga intaccato da qualcuno che da tera te vole strappà

Te sei nato pè
cresce e fatte mijore ne stò parco unico e incantato
E devi solo capì
questo… noi t’aiuremo perch’è pè questo che Dio t’ha creato!!!”

Le fate, poi,
battereno la loro bacchetta sulle sue coloratissime foglie
E spiccarono il
volo, poggiandosi sopra i rami di alcune sequoie

Io rimasi lì,
estasiato da ciò l’occhi mia stavano a vede in quer momento
Poi… arivò quarcuno,
da lontano, portanno cò se nuvole, pioggia e vento

Cominciai a avecce
paura… perché quer fiore che pensavo de potè vede sempre cò certezza
Sembrava
compiaciuto a differenza de quello che j’avano detto le fate, de quella
tenebrosa brezza

Quanno questo
arivò vicino ar fiore, cò le sue mani rozze e indelicate
Cercò de
sradicallo da terra, ma nun ce riuscì, perchè cò la baccheta, quele fate

Avevano rafforzato
le sue radici, pè impedì che qualcuno che nun lo meritasse
Accompagnato da
oscure nuvole che se facevano sempre più basse

Lo portasse via da
quer magnifico giardino, prennenolo con se e sradicandolo
Da la terra che je
dava la linfa necessaria a vive.. praticamente uccidendolo!!!

Quanno vidi che
st’omo ‘nsisteva e stava quasi a riuscì a vince contro la magia
Nun riuscii a
resiste, me je buttai addosso e con forza e violenza lo mannai via

Tornò ‘r sole,
poi, su quelo splendido campo e i colori furono, n’antra vorta, i padroni
Le fate tornarono
a posasse sur fiore, ch’era tornato a vive, come nei tempi buoni

Io… me n’annai,
nun sapenno quanno e semmai sarei tornato in quer giardino fatato
Ch’era riuscito a
damme forza, passione, gioia, facennome dì: “so rinato!”

Quer giardino ‘n
cui lasciavo una gran parte de core mio
Quer giardino…
l’eden… quer giardino…. Regno de Dio!!!

Me n’annai,
lontano, lascianno le fate e quer magnifico fiore fatto de mille colori
Finarmente sarvo,
degno de vive dove meritava: tra piante, arberi e artri splendidi fiori!!!

Me n’annai…
sorridente e felice ma cò ‘n pizzico de dispiacere ‘n fonno ar Core
Me n’annai…
portanno drento de me du fate… e la sarvezza de ‘no splendido Fiore!!!

Nun tornai più in
quer giardino che ormai, avo ‘mparato a vedè come fosse la mia casa
Nun tornai mai
più, ma… la mia anima rimase lì… ‘n quer giardino, dai suoi odori, pervasa

‘nà cosa me
consolà e me dà la possibilità de vede ‘r monno ‘n magnera diversa:
finchè nun è
combattuta, nessuna guera o battaj potrà mai disse persa!!!

Grazie!!!

Cesare Capuano
20/07/2007 h 03.45
Casa dei Popoli "Antonio Capuano”

Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Cioè… nun è proprio quello che avrei voluto scrive, ma… nun è mica facile e poi… ce s’avvicina!!!

  1. Stefania ha detto:

    Tu mi conosci e sai anche quello che non sto li a spiegarti…
    Lo sai come sono più di quanto lo so io…
    Quindi?!?!!?!?!?!??!?!?!?!?!!?
     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...