Questo è un piccolo sfogo venuto male!!! Ma è tardi… sò le 4 ahò!?!

Er
Compagno Deputato


“noi comunisti
oggi, ci troviamo di fronte ad un mondo che evidentemente non ci vuole!
Ma siamo pronti a
batterci! A lottare per l’oggi e per il domani: per la nostra prole!
Siam pronti a
lottare contro l’ingiustizia e l’emarginazione! Per le case e per le scuole!”
Si… pare vero!?! Sei
pronto??? Te??? Si si… Te ce vedo!!! Semo pronti: a parole!?!

“No, compagno,
sbagli! Il mondo è cambiato! La lotta ora, si fa in parlamento!”
si… cò diecimila
euri ar mese… li privileggi, e facendo l’alleanze cor centro!!!
“ma noi come
diceva Lenin, dobbiamo sfruttare i loro mezzi al cento per cento”
si si… me ne so
accorto… bravo… so quasi commosso… mamma mia come so contento!

“vedi, carissimo
compagno, dobbiamo far vedere a tutti che noi, siamo differenti”
e ‘nfatti ce semo
riusciti!!! Adesso se dice che communisti, so solo i deficenti!?!
“Loro non
capiscono! Non hanno ancora una coscienza di classe nelle loro menti”
e te, ‘nvece… Ce
l’hai! Te si che sei cazzuto… te lotti cor cortello tra i denti!

Peccato però,
Compagno deputato, che tra li denti tua, ormai, ce siano solo tiritere
Da cantà ‘gni tanto, a la gente che come me ancora ce
crede a st’idee che so vere
Parole su parole…
montagne de parole, ma de fatti, poi, concreti… solo chimere!!!
E noi, da st’artra
parte de la baricata continuamo a lottà, tutti li giorni; tutte le sere!

Perché noi, Compagno
deputato, a differenza tua che vivi nei salotti borghesi
Ce credemo davero
all’ideali che stanno dietro a quei due piccoli arnesi
Lottamo, ancora,
davero, pè riuscì a tirà avanti, tutti li giorni, tutti li mesi
Contro lo
sfruttamento, er precariato, l’ingiustizia: puro si semo pochi, soli e indifesi

Ma c’avemo, a
differenza tua, le palle pè dì de no all’imposizioni de stà zozza società
C’avemo ‘r coraggio
de vive e de combatte e de crede… e semo stanchi de sperà
Che quarcuno, ‘nà
vorta arivato lassù, resti veramente cò noi, ce continui a aiutà!
Senza continuà a
piacce per culo… senza continuà, solo ed esclusivamente, a parlà!

Ma te lo ricordi,
te, Compagno deputato, che vordì esse un vero Communista???
O pensi solo a fa
‘r bono cosicché a le prossime elezioni te sei ‘r primo de la lista?
Te ricordi che
vordì, Compagno deputato, stà in mezzo a la gente non da populista?
No! Sicuramente
no!!! Tu ormai te senti superiore!!! Sei ‘r mijore… er mijore ch’esista!

E noi là… a la
fine, ‘gnì vorta ch’arivano l’elezioni, se chiudemo là drento e te votamo
Poi passa ‘r
tempo, e noi là… sempre pronti, alleprati, là, vivi, che aspettamo
Aspetta, aspetta,
aspetta… ahò… gnente!!! ‘gni vorta, se la cantamo e se la sonamo
Te stai là, fai le
tue interogazzioni e noi, soli, de qua, aspettano, lottamo!!!

Lottamo, poi…
vabbè… dimo che più o meno, cercamo de dasse da fa un pochetto
Mentre te, co la
panza sempre più gonfia, stai lassù, ner tuo bel castelletto…
È vero che ‘gni
tanto scenni, e vieni, in passerella a fatte vede dar popolo che t’ha eletto
Ridi e scerzi,
saluti, ma poi… sicuro… ce cojoni, quanno stai solo lì, ner tuo callo letto!

Perché quello che
noi nun se volemo mette in testa (e che te hai capito da tanto)
È che ‘r popolo è
cojone… e se ‘nnammora de chi se lo ‘ncula con, o senza guanto
E te famo li
quadretti, le foto, l’applausi, proprio come si te fossi diventato un santo
E famo finta che
noi semo diversi… continuanno a vive, ahinoi, in un monno d’incanto!!!

Qunt’anni so,
Compagno deputato, che nun scenni in piazza a lottà cò noi???
Quant’è passato
dall’urtima vorta che sei sceso quaggiù tra li veri e unici eroi?
Quann’è l’urtima
vorta che te sei battuto pè quarcosa senza penzà a li cazzetti tuoi?
Quann’hai difeso
li compagni in piazza mentre prendevano le botte da quelli come voi?

Nun te ricordi, te
capisco, Compagno deputato… Tu nun sei come noi, sei differente
A te, apparte che
pè ‘r voto, nun te ne frega gnente de noi pori cristiani, de noi pora gente
Te te ne stai là,
cor culo callo, seduto in parlamento a dì ‘n sacco de cazzate e a parlà de
gnente
E a pijacce pè ‘r
culo, come ‘n bravo democristiano… te sei te: Dio; e noi er popolo: un poro
deficiente!!!

Ma va bene così…
semo affranti, ma noi semo gente de core e nun se scoraggeremo mai
E continueremo a
lottà, a difennece e a attaccà, a mettece e a tirasse fori, da soli, da li guai
Senza ‘r bisogno
der tuo aiuto, Compagno deputato, te parla, ch’è l’unica cosa che sai fa, ormai
Mentre noi se
daremo da fa pè cercà de unì quello che te hai diviso pè ariva lì ndò stai!

Noi continueremo a
dì de No quanno quarcosa nun c’annerà bene, senza forse, senza ma…
Noi continueremo a
difenne ‘r paese dar fascismo
Noi continueremo a
lottà pè un monno mijore e più giusto
Noi continueremo a
lottà pè ‘r rispetto dell’uomo sull’uomo
Noi continueremo a
combatte pè difenne quello che avemo conquistato
Noi continueremo…
te parla… parla parla… nun ce dai fastidio… riuscimo a concetrasse lo stesso!!!

Noi Vinceremo, e
quanno questo accadrà, Compagno deputato, te ‘nviteremo a la festa!!! Perché è
vero: NOI E TE SEMO DIVERSI!!! MOLTO DIVERSI!!!

Parla, Compagno
deputato… parla!!!

Cesare Capuano
17/07/2007 h 04.05
Casa dei Popoli
“Antonio Capuano”

Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...