…Ma lo sai che c’è? E che quando tocco er fonno, me viene voglia de partì . me viene voglia de dà ‘n’occhiata ar monno e nun me va più de stà qui…

Ma Ne Vojo Annà (Radici nel Cemento)

Ma dimme un pò a me chi me lo fa fà?
te dico: Nun ce la faccio più
De stammene qua dentro a sta città
Nun ce la faccio più
che sò du’ anni che nun cambia niente ormai.
te dico Nun ce la faccio più 
E se cambia è in peggio, che nun ce lo sai

nun ce la faccio più! Nun ce la faccio più. Nun ce la faccio più! Nun ce la faccio più.

Ma lo sai che c’è? E che quando tocco er fonno

me viene voglia de partì

… me viene voglia de dà ‘n’occhiata ar monno

e nun me va più de stà qui

e allora prendo i miei vecchi stivali

apro l’atlante e me spuntano l’ali

decido ‘n fretta dove vojo annà

se in Messico, in Cina o in Madagascar…

E la noia se ne vola via, e la tristezza se ne vola via

la paranoia se ne vola via e l’amarezza se ne vola via…

Eppoi… nun te ne parlo, mo ch’ho perso er posto de lavoro
nun ce la faccio più! 
e so du’ mesi che tiro avanti ma senza decoro
nun ce la faccio più!  
e che te lo dico a fà pure la donna m’ha lasciato
nun ce la faccio più! 
e solo sò rimasto come ‘n cane abbandonato
nun ce la faccio più! 
no no no no no nun ce la faccio più, nun ce la faccio più…
nun ce la faccio più, nun ce la faccio più…

Ma lo sai che c’è? E’ che quanno tocco er fonno

me viene de partì

me viene voglia de dà ‘n’occhiata ar monno sì…

e nun me và più de stà qui

e allora prendo lo zaino più grosso

ce ficco dentro tutto quello che posso

io non aspetto e mo me dò in Africa, in India e pure in Ecuador

e la noia se ne vola via, e la tristezza se ne vola via

la paranoia se ne vola via e l’amarezza se ne vola via…
Me ne vojo annà, me ne vojo annà, me ne vojo annà
nun ce la faccio più
Me ne vojo annà, me ne vojo annà, me ne vojo annà
nun ce la faccio più
lo sai che c’è? E’ che quanno tocco er fonno

me viene de partì

me viene voglia de dà ‘n’occhiata ar monno

e nun me và più de stà qui…

Ma poi ce penso che io nun c’ho un sòrdo,

se parto arrivo forse all’aeroporto

e allora poso i miei vecchi stivali,

chiudo l’atlante e me cascano l’ali

me sò sbajato me tocca stà qua

e l’amarezza no nun se ne va.

Però ‘na canna me la vojo fà

hai visto mai quarcosa ha da cambià

un giorno er viaggio me lo faccio davero

e mentre fumo me viene un pensiero…

E e e e… riprendo i miei vecchi stivali

riapro l’atlante e me tornano l’ali

comincio ‘n viaggio con la fantasia

e l’amarezza se ne vola via…
e la noia se ne vola via, e la tristezza se ne vola via

la paranoia se ne vola via e l’amarezza se ne vola via…

Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...