Parte Terza

Lettera ad un’Amica lontana…
L’acqua degli occhi
E
come una pioggia leggera, d’un tratto, mentre ascoltavo una canzone che
parlava delle lotte passate contro lo sfruttamento, l’ingiustizia, la
guerra e i padroni… una pioggia leggera è cominciata a scendere
dolcemente sul mio viso!
Man mano che le parole prendevano spazio
nei miei pensieri e che il ritmo di tamorre e fisarmoniche pian piano
faceva vibrare più forte i miei timpani, questa pioggierella si faceva
più insistente… Cercavo di lottare contro queste emozioni, di
ripararmi dietro l’ombrello della mia fantomatica forza interiore, ma
niente! La pioggia si faceva lentamente più fitta, ed io, ormai arreso,
non potevo che giacere sotto di lei! La canzone si avviava lentamente
verso la fine… le gocce no!!!
Poi… Come una fenice di fuoco vestita, la tua immagine! Il tuo volto stampato nella mia mente!
Incredibilmente,
davanti ai miei occhi, come una chimerica illusione, si presentava il
tuo rilucente viso!!! L’ombrello che aspettavo??? No, anzi! Una nuvola,
carica del vapore di migliaia di anni di esposizione al sole degli
oceani, si faceva largo in me! La pioggia si avviava a farsi fitta,
abbondante, un acquazzone!!! Resistere? Impossibile!!!
Poi,
all’improvviso… il sole!!! E ancora il tuo viso, a portare luce sul
mio… ad asciugare quel mare d’acqua che il rovescio temporalesco
aveva lasciato su di me! Il tuo viso si… la tua presenza costante
dentro il mio cuore e la mia mente… nella mia anima!!! La tua
immagine, rilucente e bella come sempre, mi aveva invaso, scuotendo il
mio intelletto, pulendolo dalle mille emozioni che lo sovrastavano,
lasciandolo solo… solo per te! E gli occhi, stanchi, si sono riaperti
come fari abbaglianti in una buia notte senza luna e stelle,
riaccendendosi di vita,di ardenti passioni e desideri!!!
I desideri:
qualcosa che proviene (de) dalle stelle (siderus)! Le stelle… sempre
loro!?! Ad accompagnarmi nel mio cammino! Loro, mai avare nel regalare
alla mia mente un pò di quella loro magica polvere, che mi permette,
nelle notti insonni passate a sognare te, un mondo migliore, un domani
più giusto, di sentirmi vivo, lungo la tortuosa strada della mia vita!!!
Le
stelle… Sideri!!! Ad abbagliarmi, seppur lontane anni luce, con la
loro lucentezza, e tra esse… te, il tuo volto, il mio ricordo… te,
tra le stelle, ad ingannare il mio sguardo… a rendere i miei occhi
ebbri di piacere, di gioia… ebbri di te!!! I miei occhi saturi… i
miei occhi mai sazi di guardarti… i miei occhi, che come cascate di
un enorme fiume dopo un temporale, sono pronti a rinfrescare la mia
faccia con quella loro dolce acqua salata… a farmi sentire ancor di
più vivo… come un bambino… che non sa sottacere al fuoco ardente
della passione… dell’emozione!!! Un bambino che impara la forza e il
vigore della vita nella semplice, fantastica capacità di emozionarsi!?!
Un bambino… che ancora crede che sognando ad occhi aperti, può
cambiare il destino!!!
Ciao mia Lucciola luminosa;mia Rosa nel deserto…

E
ancora la notte va via… ancora vedo il sole sorgere… il mattino
svegliarsi, darmi il cambio… ancora una volta Sole… e sempre il
solito pensiero, la solita ossessione… il tuo volto in lui!!!

Cesare Capuano
31 maggio 2006 h 04.45
Casa dei Popoli "Antonio Capuano"

Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...