Questo è un gran Ritorno alla Scrittura

Nun sei n’omo si penzi, puro solo pè un momento che le cose nun cambieranno mai
perchè ‘n fonno, si ce penzi bbene, quante n’hai passate ne la vita ch’hai vissuto fin’adesso
e soprattutto: "pensece ‘n pò", sei giovane, ‘n pischello: quante ancora ne vedrai!?!
Nun stà a piagne e a arimproverà l’angeli, li santi e nostro Signore Iddio come n’ossesso
 
Perchè così, nun è che le cose vanno mejo… la vita nun cambia pè questo, tutto resta l’istesso
e peggiori le cose, perchè nun te capisci più, nun sai che voi e tantomeno ‘ndò vai
e stai lì a sbatte la capocciaccia tua ar mouro, come scemo, si… proprio come ‘n gran fesso
e ‘n futuro li bozzi de le capocciate rimaranno più che li dolori, grossi come non mai
 
Quann’è così t’a da arzà ‘n piedi e devi comincia a nun penzà troppo, ma devi lottà
perchè solo lottano, li guai dell’ommini, de li popoli, de li paesi o de li poracci ponno finì
solo lottano la vita propria e ‘r monno che ce sta ‘ntorno pò esse mijore, pò cambià
 
Devi sempre penzà che a tutto quello che succede c’è un perchè che nun sempre poi capì
vai senza paura e limiti, perchè cò stè dù cose ‘nzieme oppure sole, nun esiste libbertà
sei solo uno che vive la vita in tranquillità… aspettanno che finisca, aspettano de morì
 
Cesare Capuano
Casa dei Popoli "Antonio Capuano"
04/05/2007 h. 20.30
Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...