Varrà come ritorno???

Amore Mio

 

Ogni giorno che passa lento e inesorabile ne la vita mia, te penso

E quanno te c’ho ne la capocciaccia mia, tutto er resto perde de senso

 

Me trovo ‘gni vorta confuso tra le gioie e li dolori che m’hai sempre dato

Te vedo presente, sicuro dell’eternità… ricordo vivo tutto ‘r passato

 

Tutte le cose che vivo le vedo colorate come sei colorata te, o mia unica regina

E gnente e nessuno potrà mai eguajà quello che provo quanno te c’ho vicina

 

Perché ‘gni vorta, tutto quanto me pare diverso, mai come la vorta precedente

Er core batte a mille, la voce esce forte e sicura, l’occhi attenti, la passione ardente

 

E poi… entro… e appena arivo ar posto mio e se parte co la lista de li giocatori

Me passano, in un solo istante, tutti quanti li pensieri, dimentico subito tutti li dolori

 

Poi la canzone, e ‘r core, fino a quer momento tranquillo e voto de ogni cosa

Inizia a sobbarzà, a pompà ‘r sangue a mille, core core, e ‘n’ze riposa

 

Poi scennono ‘n campo st’undici leoni e comincia finarmente la partita, la battaja

Undici leoni si, che c’hanno er privilegio e l’onore de ‘ndossà stà gloriosa maja!!!

 

Lo spettacolo de la vita mia, de tempo effettivo, dura solo novanta miseri minuti

In cui tutti sembramo ‘nà famija, cantamo, commentamo e ‘n se mettemo mai seduti

 

A ogni gò, poi, è come si se spalancassero le cataratte der cielo e venisse giù de tutto

Zompamo tutti come cavallette, s’abbracciamo, strillamo, sembra tutto distrutto…

 

‘nvece, dopo pochi secondi se ricomponemo, e ricominciamo come gniente fosse

coll’anima più contenta, er respiro più affannoso, e l’anime de tutti più giallorosse

 

e poi, a ‘nà certa finisce la partita, l’incantesimo s’affievolisce e comincio a aspettà

ch’arivi la settimana seguente er giorno in cui, finarmente te potrò riabbraccià…

 

E quanno perdi, sinceramente, nun me ne frega gnente, perché bella come sei

Te ora e per sempre sarai la parte più sostanziosa de li pensieri miei

 

Perché m’hai stregato e m’hai fatto provà emozioni che credevo, ormai, lontane

Perché me fai vive ogni vorta che te sto vicino sensazione forti e come non mai umane

 

Perché sei ‘r colore de la vita mia e, nun c’è gnente che possa regge er confronto co te

Che ce sarai sempre, nun te n’andrai, nun me tradirai mai, e sarai sempre pronta pè me

 

E allora da svejo, d’addormentato, da sognante o in stato di coma

‘n grido me partirà sempre dar core: “DAJE FORZA GRANDE ROMA!!!”

 

Cesare Capuano

15 Aprile 2007 h 20.20

Casa de Popoli “Antonio Capuano”

Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...