…io aspetto chi allontanerà l’amaro calice da me…

Ti Voglio (Nomadi)
 
Falsi sospiri di becchini,
di suonatori di organino
le orchestre dicon che dovrei lasciarti,
campane in festa e trombe d’auto
sghignazzano in faccia a me
è ingiusto sai se ti perdo.

Ti voglio, ti voglio, ti voglio con me
quanto ti voglio…

Politicanti, alcolizzati
schivano gli occhi di affamati
e un redentore da due soldi, ti aspetta
io aspetto chi allontanerà
l’amaro calice da me
e mi dirà di aprir la porta a te.

Ti voglio, ti voglio, ti voglio con me
quanto ti voglio…

I padri non ci sono più
il vero amore è sotterrato
e i figli han disdegnato me
perché non vi ho pensato.

Ritorno al solito motel
la cameriera è sempre là
ed è gentile come sempre, con me
lei vede tutto, e sa già
che io vorrei essere con te
ma non dice niente, lei sa che

Ti voglio, ti voglio, ti voglio con me
quanto ti voglio…

Il tuo bamboccio l’ho incontrato
ancora un po’ e l’avrei strozzato
non son stato furbo, lo sai
campane in festa e trombe d’auto
sghignazzano in faccia a me
è ingiusto sai, se ti perdo.

Ti voglio, ti voglio, ti voglio con me
quanto ti voglio…

Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...